WHAT WERE YOU WEARING?

Torna a Milano la mostra-denuncia alla violenza sulle donne

“Com’eri vestita?” è la domanda che puntualmente, in tutto il mondo, le vittime di violenza si sentono fare dopo la denuncia di stupro.

Il grembiule delle pulizie, il vestito da sera, il pigiama indossato per una tranquilla serata domestica: i 17 abiti della mostra “Com’eri vestita?”, promossa da Libere Sinergie, saranno esposti da mercoledì 6 a venerdì 8 marzo al III piano del Tribunale di Milano.

È questa, nel luogo simbolo della Giustizia,  l’ultima di una quarantina di tappe compiute nel corso di un anno. Un viaggio iniziato alla Fabbrica del Vapore di Milano, l’8 marzo scorso, che ha toccato piccole e grandi realtà, dagli Atenei di Verona, di Pavia, Bari, Parma, Torino e Trento, alla Bocconi; da Crespi d’Adda a Grosseto, da Desio a Firenze.

“Com’eri vestita?” è un progetto realizzato per la prima volta nel 2013 dall’Università del Kansas - What were you wearing? - e che Libere Sinergie ha contestualizzato alla realtà italiana.

Ulteriori dettagli nell'allegato a fianco.